Powered by Blogger.

mercoledì 16 settembre 2020



DEATH WHITE: una favola nera di Massimo Mazzoni

COPERTINA: Massimo Mazzoni

EDITING: Bruno Bacelli e Alexsej S.

60 pagine circa, 14.000 parole circa, 1,49 Euro




SINOSSI: 

Un bacio può rovinare una vita. L'ha detto Oscar Wilde. Ma nel Regno è successo di peggio. Ha portato la Piaga, e da allora i morti camminano sotto la guida della Bianca Morte, un tempo conosciuta come Biancaneve. Dopo anni, il Regno è avvolto nel ghiaccio eterno e uomini e creature fatate sono ormai pochi e allo stremo, di fronte alle orde instancabili dei non morti. Ma non tutto è perduto, la Regina Cattiva guiderà i sopravvissuti nell'ultima e decisiva battaglia.   Deathwhite, una favola nera ispirata ai fratelli Grimm, con toni grimdark fantasy, dove non ci sono i Buoni e i Cattivi, ma solo diverse sfumature di malvagità.


PRESENTAZIONE: La storia che state per leggere non l'ho scritta io. Alcuni dicono che sia dei fratelli Grimm, molti pensano siano patrimonio Disney. La verità è che non si sa chi l'abbia inventata per primo. Sto parlando di Biancaneve. I fratelli Grimm hanno raccolto e messo su carta nell'800 una storia che nelle campagne tedesche già girava di bocca in bocca da circa cento anni, forse basata su un fatto storico realmente accaduto in Baviera, in una città della Bassa Franconia. Quindi ho deciso di raccontare la mia versione della favola, traendo ispirazione dalla prima stesura del 1812, più cruda e con finale truculento. Una versione horror praticamente. A quale altro genere potrebbe appartenere la storia di una giovane morta avvelenata e riportata in vita da un principe? O da un servo distratto del principe, come nella prima edizione della favola. La scintilla è scoccata e in una decina di giorni la prima stesura era completa. Il motore di tutto è stato il ribaltamento dei ruoli che di solito nelle fiabe sono abbastanza statici. Quindi abbiamo i cattivi e quelli ancora più cattivi. Niente buoni stavolta, o forse sì? È venuta quindi fuori una storia di genere dark fantasy (grimdark fantasy?) con venature horror e una spennellata di umorismo nero, che lascia poco spazio alla riflessione in favore dell'azione. Devo dire che questo gioco di riscrittura e ribaltamento degli archetipi favolistici è stato molto divertente in fase di scrittura e ricerca, spero lo sia anche in quella di lettura.



ACQUISTA DEATH WHITE SU AMAZON!

Se non avete il kindle, niente paura, ecco le applicazioni GRATUITE per leggere comodamente l'ebook:
Applicazione per I-PAD 
Applicazione per apparecchi Android

Applicazioni per PC e tutto il resto



 

lunedì 27 aprile 2020







W WARS di Massimo Mazzoni
COPERTINA: Massimo Mazzoni
EDITING: Bruno Bacelli e Alexsej S.
100 pagine circa, 17.000 parole circa, 1,49 Euro


SINOSSI:
2020: mentre il mondo sta combattendo la pandemia di Covid 19, qualcosa si muove sotto i nostri piedi, qualcosa di subdolo e silenzioso come il virus, ma molto più letale e intelligente.Uscito all'aria aperta, il nuovo nemico inizia a uccidere, prima casa per casa, poi in campo aperto, per cielo, per terra e per mare.È l'inizio di una nuova guerra.2028: l'umanità ha perso molto terreno contro il mondo vegetale, che sembra deciso a risolvere il problema umano “alla radice”.E mentre si prepara l'ultima risolutiva battaglia tra le Guardie Forestali e le schiere di micidiali alberi sterminatori dell'umanità, il veterano Franzi sa che l'unico albero buono è un albero morto.V wars, una novelette di fantascienza postapocalittica militare senza sconti per nessuno, mammifero o vegetale che sia!


PRESENTAZIONE -  L'idea per V-Wars risale all'estate del 2017, quando mi sono imbattuto per caso nella storia di Old Tjikko, un albero clonale le cui radici hanno quasi diecimila anni. Diecimila anni son tanti, e se fosse diventato senziente, in tutto questo tempo? Idea non troppo originale, a dire il vero, visti gli Ent di Tolkien.
Finiti e pubblicati gli altri lavori in cantiere, l'anno successivo ho iniziato a scriverlo e nei successivi due l'ho ripreso e interrotto più volte. Nel frattempo si sono aggiunte esperienze che mi hanno ispirato durante la stesura, come la mia partecipazione al corteo del Gioco del Ponte, che si svolge a fine Giugno a Pisa. I corpi armati di V-Wars e alcuni suoi membri sono infatti ispirati alle GCCC (Guardie al campo con corazza) di Tramontana, la parte della città a Nord dell'Arno.
Ne è venuta fuori una storia di fantascienza militare, in cui gli ultimi uomini combattono una logorante guerra col mondo vegetale, deciso a farcela pagare per tutte le nostre malefatte. Quindi siamo nel campo delle apocalissi ecologiche e non posso non citare qui i Trifidi di Whyndham, ospitato in un easter egg abbastanza nascosto. Se lo trovate fatemi sapere!
Oltre a tutto questo si sono innestati la malattia di mia madre e la pandemia di Covid-19. Queste ultime due cose mi hanno dato la spinta per terminare la storia che state per leggere, anche se forse gli han dato una sfumatura un po' più tetra, rispetto alle produzioni precedenti.
Come sempre mi sono avvalso dei consigli dei compari di MoonBaseFactory, in particolare Bruno Bacelli e Cristiano Pugno, che mi hanno letto in anteprima e Davide Mana che mi ha dato due dritte per la sinossi. 
Infine un consiglio: se vi piacciono le storie postapocalittiche visitate il gruppo Facebook "Contaminations", ne vale la pena.
Buona lettura!


ACQUISTA W-WARS SU AMAZON!

Se non avete il kindle, niente paura, ecco le applicazioni GRATUITE per leggere comodamente l'ebook:
Applicazione per I-PAD 
Applicazione per apparecchi Android
Applicazioni per PC e tutto il resto


domenica 24 marzo 2019





D'ANNUNZIO: SFIDA DI SANGUE di Massimo Mazzoni
COPERTINA: Massimo Mazzoni
EDITING: Alexsej S
63 pagine,  10900 parole circa, 0,99 Euro

SINOSSI:
Marina di Pisa, Autunno 1903. L'ennesimo episodio del burrascoso rapporto sentimentale e professionale tra D'Annunzio e la Duse porta i due amanti sulle tracce di un nuovo mistero marino. Chi ha affondato due navi al largo delle coste tirreniche? E perché molte delle vittime recuperate hanno delle strane ferite circolari? Che un vecchio nemico cerchi vendetta? O si tratta di qualcosa o qualcuno di ancor più pericoloso?Sfida di sangue: una storia che mischia avventura, horror e un pizzico di romance in un'ambientazione liberty con elementi steampunk e retropulp.Molti gli omaggi ai grandi classici della narrativa, da Verne a Conan Doyle, passando per i fumetti di Alan Moore.

PRESENTAZIONE: Questa storia riprende i protagonisti di “D'Annunzio: diario segreto dell'Uomo d'Ombra” e ci mostra cosa è accaduto alcuni anni dopo. Se nel primo volume La Duse e D'Annunzio affrontavano orrori marini lovecraftiani in un'atmosfera retropulp, in “Sfida di sangue” si misureranno con un altro archetipo horror molto famoso, che qui non vi svelo.
Ho proseguito con l'idea, presa a prestito da Philip Josè Farmer, di contaminare il racconto con famose opere letterarie del passato. Quindi incrocerete di nuovo Jules Verne, in particolare un suo personaggio, ascrivibile alla categoria “villain”. La scelta fatta ha fatto virare il tono del racconto verso lo steampunk, pur mantenendo l'ambientazione storica di Marina di Pisa durante il periodo Liberty.
A posteriori posso dire di essere stato senz'altro influenzato anche da la “Leggenda degli uomini straordinari”, film ispirato a “La lega degli straordinari gentlemen” di Moore.
Con tutti questi richiami ho confezionato una storia d'azione, con una piccola componente romance ed elementi horror, che può essere goduta anche senza aver letto la prima avventura de l'Uomo Ombra e della sua compagna di vita.
Una precisazione su due protagonisti: sono personaggi complementari e paritari, non ci sono sessi deboli, ma un uomo e una donna determinati che, nonostante un rapporto sentimentale e professionale burrascoso come i loro alter ego storici, riescono a rimanere uniti di fronte alle avversità paranormali che indagano.
Spero vi piaccia.
Buona lettura e ricordate di osare sempre!

Se non avete il kindle, niente paura, ecco le applicazioni GRATUITE per leggere comodamente l'ebook:
Applicazione per I-PAD 
Applicazione per apparecchi Android
Applicazioni per PC e tutto il resto




lunedì 18 febbraio 2019

L'Uomo che odiava il Tempo


Chiara viene uccisa, ma dopo la morte ha modo di chiedere al suo assassino il perché. Lui è Renzo, un ricercatore scientifico che lavora per fermare l’invecchiamento, di cui ha orrore. Sembra impenetrabile ai sensi di colpa, ma l’influenza di Chiara e delle domande che pone lo costringe a pensare. Quanti devono morire perché uno possa tornare giovane? Potrà Chiara avere giustizia contro l’egoismo del suo assassino? E potrà cambiarlo, in qualche modo? Questo è un racconto sul nemico a cui non vogliamo mai pensare, il nemico cui vorremmo non pensare, un mostro terribile, contro cui siamo tutti chiamati a combattere una battaglia fatale. E a perderla.

Un uomo decide di affrontarlo e sconfiggerlo, a qualsiasi costo. Anche a costo di commettere i peggiori crimini.

L'Uomo che odiava il Tempo.

venerdì 15 giugno 2018

Vola Basso


Vola basso di Massimo Mazzoni
COPERTINA: Massimo Mazzoni
EDITING: Alexsej S.
BETA LETTORI: Domenico Attianese e Cristiano Pugno
32.000 parole circa, 1,75 Euro

SINOSSI
Ric vive in un istituto per disabili mentali e fisici, ma ha un lavoro che gli consente di uscire un po'. Non male per un non trasferibile. Ma cosa significa questa parola, stampata sulla sua logora tuta da lavoro? E perché il suo compagno di camerata nei suoi deliri parla di terribili guerre, lanci balistici e strane tecnologie di teletrasmissione? A Ric non importa perché “I Signori sono buoni”, come recitano gli slogan della propaganda. Ma un incontro fortuito gli stravolgerà la vita, facendogli disobbedire alla raccomandazione della madre di volare basso.
Vola basso”, una storia di fantascienza distopica ricca di azione, intrighi e atmosfere alla Carpenter.

PRESENTAZIONE - "Vola basso" è un romanzo breve che nasce dal tentativo di unire la tematica della disabilità (o diversabilità) con la fantascienza, in questo caso distopica, con una strizzatina d'occhio al Carpenter di “Essi vivono”. Ovviamente non sono il primo a farlo, basta pensare a “Nascita del superuomo” di Theodore Sturgeon, ma i casi non sono neanche poi così tanti.
Più o meno nello stesso periodo in cui mi stuzzicavo con questa idea mi sono imbattuto in una storia reale accaduta in un noto manicomio toscano, che aveva molti punti di contatto con quel che avevo in testa. Non aggiungo altro sull'argomento per non spoilerare troppo la storia e vi rimando all'ebook, che contiene anche una lista di materiali per approfondire la questione.
Mi son mosso quindi nell'intrecciare realtà e finzione, stupendomi spesso di come una si scambiasse con l'altra. La storia, dopo un inizio più intimista, diventa corale, con l'ingresso di altri personaggi e aumenta di ritmo tra fughe, inseguimenti, e pedinamenti, lasciando spazio anche a qualche pennellata romance.
Non troverete però eroi bellocci e determinati, ma uomini e donne che proveranno a fare del loro meglio, ognuno col proprio bagaglio di virtù e debolezze.




Se non avete il kindle, niente paura, ecco le applicazioni GRATUITE per leggere comodamente l'ebook:
Applicazione per I-PAD 
Applicazione per apparecchi Android
Applicazioni per PC e tutto il resto

sabato 11 novembre 2017

Pensieri pericolosi



Pensieri pericolosi di Massimo Mazzoni
COPERTINA: Massimo Mazzoni
EDITING: Alexsej S., Cristiano Pugno
16000 parole circa, 0,99 Euro

SINOSSI
Loris ha smesso col rugby per un brutto infortunio e si è trovato un lavoro per pagarsi l'affitto: guardia giurata. La vita in paese non è il massimo, non fosse per Valerio, l'amico di sempre, medico del pronto soccorso locale. Ultimamente però le cose vanno anche peggio e i vicini non sono mai stati così strani. Strani e minacciosi. Come Famighetti, operaio tutto casa e famiglia. Sapete cosa ha fatto l'altro giorno? Lo saprete leggendo “Pensieri Pericolosi” una storia frenetica che mescola thriller, horror e fantascienza apocalittica.

PRESENTAZIONE - La storia che vi presento oggi è un'omaggio a "un tranquillo signore di campagna" che poi, sotto sotto, tanto tranquillo non lo è affatto. Si tratta dell'inglese James Herbert e la definizione qui sopra l'ho presa da un vecchio post trovato sul blog "Strategie evolutive" di Davide Mana. Come dice anche Mana, Herbert fa irrompere nel quotidiano l'inspiegabile, un inspiegabile carico di orrore e violenza distruttiva. La molla può essere una catastrofe inizialmente inspiegabile o qualcosa di più sottile e minacciosa, come la nebbia di "The fog" sempre di Herbert, ma che non c'entra molto con Carpenter. 
Quest'ultimo volume è citato anche nel mio "Pensieri pericolosi", con alcuni piccoli cameo nascosti nel testo. 
Data questa premessa, ho inserito poi dei nuovi elementi, eventi realmente accaduti apparentemente non legati tra loro, che grazie alla cornice herbertiana assumono un nuovo senso. Questo il motore del racconto che ci conduce verso il finale, dopo una storia ricca d'azione, violenza per la sopravvivenza, un pizzico di eros, di thriller e di horror. 
Ringrazio lo staff di Moon Base Factory e in particolare Cristiano, che ha riletto il tutto e mi ha dato buoni consigli. Grazie anche a Francesco, che mi ha dato alcune dritte sulla professione della guardia giurata, la stessa di Loris, uno dei protagonisti di "Pensieri pericolosi."
Buona lettura e attenzione ai pensieri ricorrenti...


ACQUISTA "PENSIERI PERICOLOSI" SU AMAZON

Se non avete il kindle, niente paura, ecco le applicazioni GRATUITE per leggere comodamente l'ebook:
Applicazione per I-PAD 
Applicazione per apparecchi Android
Applicazioni per PC e tutto il resto