Powered by Blogger.

martedì 16 settembre 2014

Le Avventure di BB

Keira Knightley, la mia fonte d'ispirazione estetica per la protagonista de Le Avventure di BB, Barbara Brambilla
Le Avventure di BB è una saga letteraria. È composta, nelle intenzioni, di una serie di volumetti contenenti uno o più racconti (la lunghezza dei quali va da un minimo di 5.000 a un massimo di 16.000 parole, trattabili) aventi come filo conduttore le avventure (come da titolo) di Barbara Brambilla, detta BB, modella fetish (di piedi) milanese.
La serie è giunta al suo secondo volume, e prossimamente vedrà la pubblicazione del terzo.
Cos'è Le Avventure di BB, a livello di genere narrativo?
A me piace definirla letteratura d'evasione fantastica, contaminata da horror, humour nero, tanta azione e, particolare della saga, tanto cinema; quel cinema famoso che ha contribuito alla crescita della mia generazione, da Grosso Guaio a Chinatown a L'Armata delle Tenebre, passando per i film sugli zombie di George Romero e, persino, dal ciclo di Godzilla. Cinema che nei racconti dedicati a Barbara troverete condensato in piccole, ma sfiziosissime citazioni, a volte esplicite, a volte innestate nell'economia della trama.
Com'è nata Barbara?
È nata per scherzo, e per scommessa, esattamente il 27 Ottobre 2013, quando decisi di tentare di scrivere un ebook fatto e finito da distribuire ai lettori del mio blog, Book and Negative, come regalo per la notte di Halloween, il 31 Ottobre dello stesso mese.
Fu così che nacque BitchBlade, il primo racconto avente per protagonista la nostra Barbara, ispirata esteticamente all'attrice inglese Keira Knightley, che, da modella un po' particolare, partecipa a una festa di Halloween tenuta, in una villa nei pressi di Milano, da un ricco magnate giapponese, Mishimoto.
Tutto comincia da lì, e dall'idea che una festa di Halloween che si rispetti non possa svolgersi tranquillamente, specie se i mostri della fantasia (i cani-demoni di Ghostbusters, i piccoli androidi di Blade Runner e i mostri tentacolati di, be'... di Lovecraft) decidono di comparire a seminare scompiglio e morte tra gli invitati.
Barbara, la protagonista, è strutturata, oltre che su Keira Knightley, sugli eroi muscolari anni Ottanta, quelli di Stallone, Schwarzenegger e soprattutto Kurt Russell, pur conservando la grazia femminile, almeno nell'aspetto, ché nel linguaggio è tutta un'altra storia.
Lo stile dei racconti è veloce, dinamico, costruito e stretto attorno al punto di vista della protagonista: ho scelto di conseguenza la narrazione al presente e in prima persona. E un linguaggio che risultasse il più possibile veritiero e spontaneo.
Tutto nasce dalla festa di Halloween, quindi, ma non si ferma lì, il mondo intorno a Barbara continua a mutare per qualche misteriosa ragione, mutare in meglio, cessando di essere un posto noioso e prevedibile e diventando, di fatto, un luogo divertente e potenzialmente letale, dal quale nessuno di noi vorrebbe più andare via. Be', più o meno...
Barbara quindi affronta invasioni di zombie, combatte cannibali e draghi, e anche un enorme mostro tricefalo che s'appollaia sul Duomo di Milano, dopo aver naturalmente inghiottito la Madonnina.
Tutto questo, e altro ancora, troverete ne Le Avventure di BB.


http://moonbasefactory.blogspot.co.uk/2014/05/germano-m.html

Condividi quest'articolo! :

0 commenti: