Powered by Blogger.

giovedì 3 luglio 2014

Home » » Il Sommo Buta

Il Sommo Buta

Nulla sapevo di Angelo Sommobuta Cavallaro prima che si interessasse, qualche anno fa, alla revisione e resurrezione che avevo intrapreso dei racconti scartati nella selezione di un'antologia, Sanctuary. Entrato così fortuitamente in contatto iniziai a seguire il suo blog, dove si parlava
soprattutto di anime e manga, ovvero cartoni animati e fumetti giapponesi. Per me quello dei giap, e di chi li segue, è un discorso un po' complicato. Ovviamente sono abbastanza giovane, o meglio non così vecchio, da essermi beccato la mia dose di robottoni ultraviolenti da ragazzo; ma non mi sono fatto una cultura in merito e non ho acquisito né lo slang né la passione per le animazioni prodotte in estremo oriente. Anzi devo dire che mi dà fastidio come i manga abbiano soppiantato il fumetto d'autore "alla europea." Bruti! Invidio comunque chi ha il tocco per comprendere e gradire ciò che arriva dal lontano Giappone.

Ma a parte tutto questo il Sommo Buta si è rivelato, per chi lo ha seguito, un commentatore sagace su tantissimi argomenti relativi alla politica, allo sport, allo scrivere, al cinema, insomma un po' a tutto. Senza fronzoli o inutili intellettualismi, con una capacità invidiabile di arrivare dritto al punto.
Scrivendo sui manga Angelo Sommobuta ha raggiunto vette di successo (ebook venduti) come pochi. E infine, il nostro è stato uno di quelli che si sono messi in gioco e hanno lasciato la nostra ridente Italia - in crisi perpetua - per cercare territori più verdi nell'algida Albione. E visto che è partito da un po', e si trova ancora a Londra, deve esserci riuscito. Massimo rispetto.
Condividi quest'articolo! :

0 commenti: